Quale edizione?


Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
Autore Messaggio
zio Gil
Cittadino di Innsmouth
Messaggi: 88
Località: Milano
MessaggioInviato: Dom, 11 Lug 2004 22:12    Oggetto: Quale edizione?   

- intro OT -
Evvài, sono diventato un modello di Pickman!
Al prossimo giro farò il modello per Mugatu. Linea Derelicte.
Scusate, la smetto.
- fine intro -

Scrivevo altrove qua in giro che la mia cultura horror è stata ampiamente rimpinzata dalle gloriose edizioni economiche della Newton.
Una mattina, andando a scuola, vidi in edicola il glorioso scatolotto di Lovecraft: tutte le opere a poco più di ventimila lire. Me lo portai in classe. Fra me e faccialunga cominciò così.

Ora, più voci si son sollevate negli anni a far notare quanto l'edizione Newton fosse penosa Shocked Io, probabilmente, all'epoca (primi anni delle superiori) non avevo modo di rendermene conto. Oggi, in vista di una sana rilettura con l'occhio e la testa del bimbo grande, mi chiedo: quanti condividono l'idea che l'edizione Newton non fosse il massimo della vita? E per quale motivo?
Almeno so se HPL me lo devo ricomprare oppure no. Magari in originale
Twisted Evil

zG
"Non è vero che sono tutti un po' strani. IO sono strana. Voialtri avrete al massimo una misera paranoia ciascuno."
[Gaea Muir]
MessaggioInviato: Lun, 12 Lug 2004 01:56    Oggetto: Re: Quale edizione?   

zio Gil ha scritto:
quanti condividono l'idea che l'edizione Newton non fosse il massimo della vita? E per quale motivo?


revisioni (forse nemmeno spolverate) dal precedente Tutto Lovecraft Fanucci, a sua volta revisionato su precendenti edizioni...

Se non si può leggere HPL in originale (i due volumi Penguin Modern Classics sono abbastanza facilmente reperibili), meglio assaje i quattro volumi degli Oscar Mondadori curati da Lippi sulle edizioni di Joshi.
MessaggioInviato: Lun, 12 Lug 2004 02:23    Oggetto: Re: Quale edizione?   

Anonymous ha scritto:
Se non si può leggere HPL in originale (i due volumi Penguin Modern Classics sono abbastanza facilmente reperibili), meglio assaje i quattro volumi degli Oscar Mondadori curati da Lippi sulle edizioni di Joshi.


Sottoscrivo. Meglio dei quattro volumi lippesco-joshiani, in Italy, non si trova nulla.
galerius
Fantasma Fantasma
Messaggi: 2672
Località: Luserna San Giovanni ( TO )
MessaggioInviato: Lun, 12 Lug 2004 02:56    Oggetto:   

Una modesta postilla : se ti interessa anche l'opera poetica di HPL, non puoi lasciarti scappare ( sperando sia ancora reperibile ) Il vento delle stelle, ed. Agpha Press, 1998, un volume stupendo che contiene tutta la sua produzione in versi a carattere fantastico ( Fungi from Yuggoth, Psychopompos e molte altre ), con i testi originali in appendice.
Il libro contiene anche brani di corrispondenza e racconti, ed è riccamente illustrato. Per chi ama Lovecraft, da avere assolutamente.
Grazie, ragazzi !
_______________
- "L'amore per la donna è mobile come la Luna,
l'amore del fratello è saldo come le Stelle !"
- E Caino, allora...?
- Be', Caino...che c'entra Caino ? Caino era 'n delinquente...!
MessaggioInviato: Lun, 12 Lug 2004 14:19    Oggetto:   

galerius ha scritto:
( sperando sia ancora reperibile ) Il vento delle stelle, ed. Agpha Press, 1998


Implacabilmente esaurito, e l'editore non esiste più.
Se ne trovavano copie in alcuni remainder tempo fa, almeno in alcune città del nord. Se lo si riesce a trovare usato senza farsi spolpare con prezzi da collezionismo (costava 34.000 lire nel 1998) è un volume indispensabile x il lovecraftofilo italiano.
galerius
Fantasma Fantasma
Messaggi: 2672
Località: Luserna San Giovanni ( TO )
MessaggioInviato: Lun, 12 Lug 2004 16:46    Oggetto:   

Spesso i piccoli e misconosciuti editori fanno un lavoro molto migliore delle grandi case, interessate per forza di cose ai grandi nomi ( non che Lovecraft non abbia ormai raggiunto una buona notorietà, ma rimane pur sempre un autore "di nicchia", del quale ci si può avventurare a pubblicare la narrativa, ma non altro ) e alle grandi tirature.
Il guaio è che spesso i 'piccoli' non riescono a raggiungere una solidità economica che consenta loro di sopravvivere e continuare nelle loro iniziative.
Volumi come Il vento delle stelle sono quel genere di cose che ci si aspetterebbe di veder pubblicare da un certo editore fantastico...di cui non faccio il nome, per carità di patria Wink
Grazie, ragazzi !
_______________
- "L'amore per la donna è mobile come la Luna,
l'amore del fratello è saldo come le Stelle !"
- E Caino, allora...?
- Be', Caino...che c'entra Caino ? Caino era 'n delinquente...!
Zaroff
Larva
Messaggi: 9
MessaggioInviato: Lun, 27 Giu 2005 17:24    Oggetto: l'editoria in Italia   

Sono concorde col fatto che i 4 volumi di "Tutti i Racconti" della Mondadori ad oggi siano la migliore edizione possibile della prosa di HPL in italiano, di sicuro piu' completa delle edizioni Newton, perche' si basano su testi filologicamente corretti ed integrali, quindi possiamo considerarlo il "Canone Lovecraftiano" per l'Italia.
Certo che anche in questo caso non mancano le sviste nella traduzione, ad esempio provate a vedere le prime pagine de "La maschera di Innsmouth": se ci si fa caso, si notano alcune ripetizioni grossolane ed espressioni ampollose; se si confronta con il testo inglese, la differenza e' notevole...

Parlando della Newton, un loro grande errore e' sempre stata la nota biografica: la data di nascita di Lovecraft e' sempre stata sbagliata (13 marzo anziche' 20 agosto) e mai corretta, anche nell'ultima edizione uscita l'anno scorso. Altra mancanza e' la continua riproposizione di traduzioni obsolete, risalenti ad oltre 20 anni fa e basate su testi mutili e privi di qualunque criterio filologico.
Invece se hanno un merito, e' quello di aver pubblicato (e ristampato) il "Commonplace book", che era ingiustamente sparito dall'editoria, peccato solo che non riporti il testo originale a fronte, che del resto non compare neanche nel caso della poesia.

Quindi le edizioni Mondadori sono valide quanto a completezza, ma nemmeno in questo caso le traduzioni rendono giustizia al Maestro e, dal punto di vista della resa semantica, somigliano abbastanza a quelle della Newton.

Altra osservazione sullo stato dell'editoria lovecratiana in Italia, e' che dall'uscita dell'ultima ristampa Mondadori, i testi lovecraftiani sono stati ulteriormente rivisti e corretti da Joshi e, recentemente, anche da altri studiosi, mentre qui da noi nessuno sembra aver voglia di proporre un'edizione ri-tradotta ed adeguata allo stato delle conoscenze attuali, nemmeno per le opere principali.
La Mondadori ha addirittura diminuito la qualita' della carta a partire dal 1998 - ma il prezzo e' rimasto lo stesso (se si esclude il lieve aumento dopo il passaggio all'euro).

La Fanucci si e' quasi del tutto ritirata dal mercato lovecraftiano dopo il caso "Necronomicon" e si limita a proporre sempre gli stessi libri stanchi e malridotti..

Nessuno vuole più bene a Nonno Theobald?
God, that hand! The window! The window!
Albert00
Abitatore del Profondo
Messaggi: 249
MessaggioInviato: Lun, 27 Giu 2005 22:13    Oggetto:   

Anonymous ha scritto:
galerius ha scritto:
( sperando sia ancora reperibile ) Il vento delle stelle, ed. Agpha Press, 1998


Implacabilmente esaurito, e l'editore non esiste più.
Se ne trovavano copie in alcuni remainder tempo fa, almeno in alcune città del nord. Se lo si riesce a trovare usato senza farsi spolpare con prezzi da collezionismo (costava 34.000 lire nel 1998) è un volume indispensabile x il lovecraftofilo italiano.


IL vento delle stelle è disponibile su ebay.it a 10 euro
Io lo sto leggendo ed è davvero interessante anche il materiale meno valdio qualitativamente(certi racconti che continuano i frammenti di HPL)è cmq interessante come documento. NOn credo che sia però materiale del tutto inedito come strillato in copertina
Albert00
Abitatore del Profondo
Messaggi: 249
MessaggioInviato: Lun, 27 Giu 2005 22:17    Oggetto: Re: l'editoria in Italia   

Invece se hanno un merito, e' quello di aver pubblicato (e ristampato) il "Commonplace book", che era ingiustamente sparito dall'editoria, peccato solo che non riporti il testo originale a fronte, che del resto non compare neanche nel caso della poesia.
[/quote]

IL commonplace è stato inserito in uno dei volumi delle opere complete di HPL(se sì in quale?) o in un libro a parte?
Albert00
Abitatore del Profondo
Messaggi: 249
MessaggioInviato: Lun, 27 Giu 2005 22:19    Oggetto:   

Io ho conosciuto LOvecraft con i quattro volumi della Mondadori ma avevo già letto qualcosa dei volumi della Fanucci, che ti consiglio anche per il ricco materiale critico e biografico(da questo punto di vista credo che rimanga la milgiore edizione)
dyrach
Hastur
Messaggi: 1911
MessaggioInviato: Lun, 27 Giu 2005 22:45    Oggetto: Re: l'editoria in Italia   

darren ha scritto:
IL commonplace è stato inserito in uno dei volumi delle opere complete di HPL(se sì in quale?) o in un libro a parte?


Il Commonplace è stato pubblicato nel secondo volume della serie Newton (quello intitolato: L'incubo - Tutte le storie dell'orrore puro (tomo II)). La Mondadori ne aveva pubblicata una bella edizione (qui sotto la copertina), ovviamente finita in brevissimo tempo fuori catalogo. Mad

Non è morto ciò che in eterno può attendere
e con il passare di strani eoni anche la morte può morire
Zaroff
Larva
Messaggi: 9
MessaggioInviato: Mar, 28 Giu 2005 10:41    Oggetto: TuttoLovecraft Fanucci   

Citazione:
Io ho conosciuto LOvecraft con i quattro volumi della Mondadori ma avevo già letto qualcosa dei volumi della Fanucci, che ti consiglio anche per il ricco materiale critico e biografico(da questo punto di vista credo che rimanga la milgiore edizione)


Gli 11 e più volumi della collana "TuttoLovecraft" della Fanucci sono purtroppo fuori catalogo da anni, si trovano soltanto ai mercatini dell'antiquariato, sulle aste e nelle varie librerie on line, ma sono diventati rarissimi anche sul mercato amatoriale.
Dal punto di vista del corredo critico, biografico e per tutti gli scritti non in prosa (lettere, poesie, marginalia, etc.) di Lovecraft era un'opera monumentale, di sicuro LA MIGLIORE edizione in assoluto mai avuta in Italia - e forse superiore a molte edizioni in lingua originale.
Peccato solo che le traduzioni dei racconti si basassero su testi incompleti e ancora da revisionare, ma per l'epoca andavano bene.

Se li trovate, avvertite (o meglio... prendeteli).
God, that hand! The window! The window!
Albert00
Abitatore del Profondo
Messaggi: 249
MessaggioInviato: Mar, 28 Giu 2005 22:51    Oggetto:   

Alcuni dei volumi della Fanucci sono ora su ebay
MessaggioInviato: Mer, 29 Giu 2005 08:17    Oggetto: Il vento delle Stella   

Su ebay attualmente si trova anche "Il vento delle stelle" - opzione compralo subito a 10 euro.
Correte, correte...
Thersicore
Cittadino di Innsmouth
Messaggi: 57
MessaggioInviato: Dom, 20 Gen 2008 13:10    Oggetto:   

Dopo essermi procurato recentemente i 4 volumi della Mondadori ho voluto iniziare a fare piccoli paragoni tra questa edizione e quella della Newton, premettendo che non leggo Lovecraft in inglese e quindi non mi pronuncio sulle traduzioni.

A quanto viene scritto sia da Lippi che da Fusco, le traduzioni sono state fatte basandosi sulle ultime ricerche e "ricostruzioni" di S.T. Joshi; ad esempio per "Herbert West" Lippi scrive nelle note iniziali al racconto che per la prima volta in Italia viene pubblicato tutto il materiale (6 mini storie) senza tagli... lo stesso però avviene anche per la Newton; entrambe le edizioni sembrano avere usato le stesse fonti per la bibliografia originale di Lovecraft: quindi quest'ultima non sembra aver usato vecchie traduzioni incomplete o revisioni, e capita lo stesso per altri racconti e particolari delle opere.

Negative sono invece alcune scelte di Lippi riguarda a traduzioni di titoli di racconti... "I sogni nella casa stregata" è divenuto "La casa delle streghe"... il termine "transizione" (Juan Romero) e divenuto il più piatto "scomparsa"... in Dexter Ward usa il termine "grattacieli" nella descrizione di un paesaggio di Providence...In "Dagon" rimette in rima la poesia del protagonista (che molto probabilmente lo è in lingua originale ma una volta tradotta andava perso il senso).

Non entro in merito alle traduzioni, come ho detto, Lippi usa temrini più moderni mentre Fusco più "arcaici" (paragone "Manicomio" "Asilo per alienati" ad esempio in Dagon).

La Newton ha pubblicato il saggio "L'orrore soprannaturale nella letteratura" a opera dello stesso H.P. e i suoi "Taccuini" mentre la Mondadori ha inserito un paio di "saggi" che non trovo molto utili.

Conclusione mia: Lovecraft è un Grande Autore; quindi non sono pentito di avere entrambe le edizioni, anzi...
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a H.P. Lovecraft Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum